MENU

Contenuti

"Chi parla male, pensa male e vive male. Bisogna trovare le parole giuste: le parole sono importanti."

Le parole servono per dire, per spiegare, raccontare, convincere, farsi trovare. Le parole servono per fare.

Scegliere le parole

Sembrerebbe banale, ma l’obiettivo di scrivere è che qualcuno ci legga. Questo porta con sé valutazioni importanti su:

  • lettori: a chi vi rivolgete (non vale “a tutti”)
  • obiettivi del contenuto: vendere, informare, approfondire, divertire, persuadere
  • mezzo, mezzi, piattaforme in cui sarà divulgato: sito web, canali social, newsletter
  • come verrà trovato: motori di ricerca, annunci, contenuti esterni

La parola, on line, spinge all’azione. E di solito l’azione è l’obiettivo di un progetto: “compra, scarica, iscriviti”. Il sillogismo ci porta a pensare che, quindi, le parole siano più che importanti.

Progettare contenuto digitale: un’esperienza non lineare

I contenuti on line non si leggono in sequenza, ecco spiegato l’arcano dell’ipertesto. Le persone leggono pagina web arrivando da Google, da una newsletter, da una e-mail, da un post su Facebook, dal link su un altro sito – o dallo stesso. E ci arrivano ciascuna con conoscenze intenzioni obiettivi emozioni.

I contenuti on line devono portare altrove: a un carrello, a una form di iscrizione, a un’altra pagina web. Devono convertire: trasformare uno stato in un altro, provocare un cambiamento, un fatto.

I contenuti on line vivono quindi in un contesto, che ne determina sostanzialmente il senso e ne è parte integrante.

Per tutto ciò, scrivere un contenuto per il mondo digitale richiede progettualità: la considerazione del contesto, dei fattori che influenzano il cosa e come scriviamo e la conoscenza degli strumenti e metodi che ci permettono di usarli, invece che di subirli.

Ci crediamo tanto da averci costruito sopra un corso, a cui ovviamente non potete non iscrivervi.

Dare forma alle parole

Nel web, la distanza tra forma e contenuto è molto limitata. La lettura su schermo è più faticosa di quella su carta, e spesso avviene in contesti d’uso differenti (anche in piedi, in treno, in coda, in auto – ehi non fatelo!).

La rappresentazione del contenuto diventa allora fondamentale per i suoi obiettivi: un testo scarsamente leggibile è un testo muto, che probabilmente nessuno leggerà, su cui nessuno farà clic, che nessuno condividerà nelle sue bacheche social.

Mettere in pagina un testo è come dare forma all’impasto di una torta: magari la mangi anche se è brutta, ma se anche l’occhio ha avuto la sua parte, l’hai mangiata prima, più in fretta, e magari ne regali una a qualche amico.

Cosa possiamo fare per voi?

Noi possiamo aiutarvi a:

  • progettare il contenuto: le parole che fanno incontrare i vostri obiettivi con i bisogni dei vostri clienti
  • modulare un tono di voce: rigoroso, ironico, ammiccante, distante, empatico
  • trovare le parole giuste: tecniche, di base, colorite, colorate, oscure
  • metterle in pagina in modo che funzionino: spaziate, in punti elenco, in grassetti, in corsivi

Dice Dario,
pesando le parole:

Siamo gente di parola, oltre che di immagine.

Abbattiamo il confine tra contenitore e contenuto: diteci chi cosa quando perché e noi vi risponderemo come. Possiamo trovare le parole giuste per voi?